Battere il Destino

L'ultimo volo della squadra
L’ultimo volo della squadra

Il destino è un animale feroce senza anima e cuore. Non ha padroni, non rende conto a nessuno. Ti trasforma in vincitore o ti affida all’oblio.

Ti seduce facendoti credere un re e poi ti toglie tutto all’improvviso senza un motivo, senza una ragione precisa, senza quel “perché” che possa dare un senso al dolore.

Il Chapecoense era una squadra venuta dal nulla, senza tradizione e con spersa nel meridione del Brasile nello stato di Santa Caterina e vicino al confine argentino. Nel 2003 rischia il fallimento, ma poi due imprese locali le vanno in soccorso, costuendo lo stadio e dando una spinta notevole all’entusiasmo locale. Si può continuare a giocare a calcio.

E di calcio, quello vero, quello carioca, la squadra santacaterinense ne produce in quantità industriale salendo di categoria in categoria, fino alla mssima divisione raggiunta nel 2014. Un favola che tutti vogliono vivere fino in fondo e che proiprio oggi avrebbe dovuto scrivere il capitolo conclusivo.

In questa edizione della Copa Sudamericana, trofeo continentale inferiore solo alla Libertadoeres, fa fuori Indipendiete e San Lorenzo andandosi a conquistare il diritto alla finale contro il più noto Nacional de Medellin, storica squadra colombiana. Si va lla fiale quindi. Si va tutti insieme, come una famiglia dove ci si aiuta nei momenti gbui e dove ci si ritrova per quelli belli. Ognuno un compito, ognuno una responsabilità, tutti insieme verso uno scopo… ma poi arriva il destino e cancella ogni cosa… vite, storie, sogni,speranze e tanti tanti sacrifici. Ma non spariscono solo i sogni delle vittime di una tragedia. Spariscono anche quelli dei tifosi e della gente di un’intera regioen che voleva dire al mondo che esiste anche lei, che non sarà bella come una spiaggia di Copacabana, ma che anche lei ha nel cuore lo spirito di questa meravigliosa e variegata terra dai colori simili a quelli delle piume di un pappagallo.

Il destino dice no, dice che non si può essere vincitori, ma qualcuno sa che la Copa è loro, che gli spetta di diritto perché se c’ qualcosa di più forte del destino è la passione e la lealtà verso uno sport meraviglioso come il Calcio.

(Visited 11 times, 1 visits today)

Potrebbe piacerti anche Altri di posts di quest autore

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com